Michela Gazziero | Michela Gazziero
michela gazziero, big works, works
15434
page-template-default,page,page-id-15434,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Paper Flowers

I fiori di Michela Gazziero sono stati creati per la prima volta nel 2001, per le vetrine del migliore negozio di design di Bologna, GIANPAOLOGAZZIERO. Sono totalmente realizzati a mano e con amore. Come una magica stilista dei fiori, una modellista speciale dell’Arte, usando solo materiali di alta qualità, crea i fiori che anche al buio si vedono i colori, che si illuminano a ricordare di avere un’anima.

In ogni esemplare, sono apprezzabili le leggere variazioni di forma, colore e design, in quanto ogni creazione è unica, adeguatamente curata per completare la tua vita per lungo tempo. Il loro spirito è delicato, ma se conservati con cura, sono molto duraturi e la loro forma ha la caratteristica di poter essere ravvivata con un semplice tocco, ogni volta vi fosse necessità.

Sono realizzati in una fibra chiamata “il tessuto del Pacifico”. Si tratta di una carta preziosa perché ottenuta a mano, rendendo la sensazione di toccare un tessuto. È morbida, lucente e delicata proprio come la seta, infatti (il baco da seta si nutre esclusivamente delle foglie dei Gelsi) come il prezioso tessuto, deriva dai rami della pianta del Gelso. Broussonetia Papyrifera, pianta originaria dell’Asia usata già nel VI secolo in Cina per realizzare teli, bandiere, turbanti e mantelli. In Asia quest’albero è sacralizzato e custodito per il suo prezioso prodotto.

Dall’Asia passando per la Polinesia arrivando fino all’Europa, il tessuto in carta, è da sempre un materiale utilizzato per realizzare manufatti che tramandano storia, tradizione e cultura. Anche per i suoi grandi fiori è così, sono giganti resi morbidi dal tessuto del Pacifico, tinteggiato e modellato dalle sue mani. Tramandano in sè il significato e il valore della sostenibilità e del  “totalmente fatto a mano”, trasmettendo con semplicità la grande forza di immagine tipica del ”Made in Italy”.